(placeholder)

Assieme per il Tagliamento

Associazione

RASSEGNA STAMPA 2020

Messaggero Veneto  29 1 2020

Messaggero Veneto  7 2 2020

Il Gazzettino 6 2 2020

Hanno presentato calcoli e dati. I calcoli vengono eseguiti su tanto è lo spazio riservato al fiume, cioè le golene, e quanta acqua può defluire in esse in caso di piene alluvionali. Perciò più golene togliamo al fiume e più opere di laminazione san da fare. Quindi, protezione civile in primis perché devono tutelare la sicurezza pubblica, autorità di bacino assessori sindaci, chi dall'alto per tutelare il patrimonio naturale del fiume, e chi dal basso vuole tutelare le popolazioni a rischio ecco che prevale innanzitutto la vita delle persone. Vero è però che pur sapendo che è proibito costruire opere sulle golene, vedi ad esempio l'ultima cattedrale la variante di Diginano che ha portato via una golena P4 molto importante per il deflusso delle acque, l'autorità di bacino non ha voce in quanto la regione, perché autonoma, può e decide di costruire lo stesso. Ora per ovviare al fatto che sono state costruite opere negli spazi riservati al fiume hanno deciso di costruire opere che compensino. Io penso che la giustificazione della sicurezza e del rischio alluvionale dei paesi rivieraschi, vedendo le soluzioni proposte,.. altro non sia che una scusa per continuare a distruggere il Tagliamento senza però risolvere il problema che non è assolutamente da sottovalutare cioè la salvaguardia la vita delle persone. F.P.

Messaggero Veneto  2 2020