(placeholder)

Assieme per il Tagliamento

Associazione

RASSEGNA STAMPA 2014

Franca Pradetto e, a drete, il Tiliment a Dignan

Ai 30 di Otubar passât, il Consei regjonâl al varès vût di discuti une mozion presentade dal Moviment 5 stelis su la “variante di Dignan”. Franca Pradetto, president dal comitât “Intun pal Tiliment” e jere presint ae riunion e e je restade deludude massime.

Parcè?

I Conseîrs regjonâi a varessin vût di discuti sui argoments contignûts inte mozion. La Conseire Ilaria Dal Zovo e à argomentât dal dut rivuart a doi ponts nevralgjics tant impuartants di discuti: il puint vecjo di 100 agns che i vignarà colegade la opare tant cjare e la aree golenâl che e vignarà ocupade di une strade realizade su teraplen che al arzararà une aree che e servìs al Tiliment par fâ lâ jù lis aghis in câs di plene.”

Invezit?

Il consei nol à discutût sui contignûts de mozion, ma al à cirût justificazions. Si à dit che la zonte regjonâl e à fat valutazions atentis su la oportunitât di fâ chest progjet, cence dî ni in cuale ocasion, e nancje cun cuâi struments, ni cui - la zonte o Fvj stradis, o cui altris - al vedi fat chestis valutazions e di ce gjenar che a sedin stadis. Epûr une part impuartante de petizion sotscrite di 5523 citadins di cheste regjon e pant preocupazion su la realizazion di cheste opare in cheste zone parcè che il Plan “Stralcio” pal Asset Idrogjeologjic dal flum Tiliment al mostre che la variante di Dignan e cole dal dut in aree a pericolositât idrauliche alte. Si son dismenteâts fin la storie resinte.

In ce sens?

Dilunc de aluvion dal 1966, la aree che e vignarès arzarade dal passaç de opare e fo inagade ad implen contignint lis aghis e duncje permetint che i disastris a Tisane a fossin plui contignûts. Par altri, cu la sô decision di confermâ la “variante di Dignan”, la Zonte e à mostrât di vê doi pês e dôs misuris.

Parcè?

Pôcs dîs prime la stesse Zonte cun deliberazion ai 17 di Otubar e veve decidût la revision dal progjet di chê che i disin "tangjenziâl Est" propit in funzion de aprovazion dal PAI dai bacins dal Tiliment e dal Lusinç.

Ce varessie volût domandâi ae presidente Serracchiani?

Se e fos stade presint, i varès domandât o domandarès cemût che mai, inte sô posizion di Comissari straordenari delegât a fâ i intervents urgjents di morestament dal pericul idrogjeologjic, e decidi tal stes timp di fâ une opare che e causarà problemis di pericul pe sigurece dai citadins e pal teritori. Cheste volte, se a vessin di sucedi altris disastris sul Tiliment, o savìn a cui imputâ lis responsabilitâts parcè che par fâ prevenzion e evitâ catastrofis al bisugne prin di dut osservâ lis regulis che a tutelin lis areis fluviâls.

Ce valutazion daie intal complès sul compuartament des istituzions?

Lis istituzions a àn mostrât di jessi tant lontanis des dibisugnis reâls dai citadins e dal teritori e cheste realtât viodude e tocjade di dongje no nus à deludût dome ma ancje ofindût. I Comitâts a son formâts di citadins che, simpri plui numerôs e difidents, viodudis lis sieltis sbaliadis che par agns a àn fat levâ la spese publiche e calâ i servizis, a vuelin partecipâ e capî, e ancje dimostrâ cun studis e fats la lôr contrarietât viers progjets che a ritegnin tant cjârs e lu fasin cui struments che ur son permetûts. La partecipazion de citadinance e varès di jessi une alte forme di democrazie, un valôr zontât, invezit tancj conseîrs a àn mostrât fastidi par cheste nestre “intromission” ofindintnus cence mieçs tiermins.

In particolâr?

A àn dit fin che i comitâts a son i gnûfs fassiscj...

Par voaltris, cemût che si varessialdi frontâ il probleme dal dissest idrogjeologjic?

De Cunvigne internazionâl organizade de nestre associazion a Sant Denêl, “Gjestions fluviâls a confront, cualis propuestis pal Tiliment”, dai esperts e studiôs di dut il mont nô citadins o vin imparât che la uniche strade par risolvi il probleme des aluvions e je fâ prevenzion.

Cemût?

Fâ prevenzion no vûl dî dome rispietâ i spazis risiervâts al flum ma ancje fâ manutenzion o sedi gjavâ la glerie dulà che siervis, e no des rivis di dulà che invezit a vegnin sgjavâts milions di metris cubis di glerie che a causin il sbassament dal jet cence permeti aes aghis di rivâ aes areis di dulà podê espandisi in câs di plene invezit di cori bande i paîs dal bas cors causant disastris cemût che di fat al è daûr a sucedi in chestis oris.

Invezit, ce fasie la politiche?

E fâs intervents tecnics e economics cuant che a son lis emergjencis, cussì di podê justificâ la realizazion di oparis tant cjaris e dibant, su la ande des cassis di espansion, favorint i gjavadôrs di glerie e lis lobiis dal ciment che pôc ur impuarte se la impermeabilizazion dai teritoris al è fra lis principâls causis dai avigniments che ur sin daûr a assisti.

A chest pont cemût pensaiso di movisi?

O larìn in Europe a consegnâ la petizion sotscrite di 5523 citadins. Ae Europe o domandarìn di intervignî par che lis diretivis comunitariis a vegnin rispietadis su temis impuartants tant che il dissest idrogjeologjic dai teritoris. Il nestri obietîf al reste il stes: meti fin al dissest dal Tiliment traviers la cancelazion dal progjet stradâl in cuistion e, se necessari, midiant il studi di une soluzion alternative plui compatibil cu la sigurece des personis e dal teritori e il rispiet dal ambient.

Variante di Dignan: "Politiche sorde aes domandis dai citadins"

Franca Pradetto, presidente de associazion "Intun pal Tiliment" e spieghe parcè che il progjet de Variante di Dignan al va cuintri il bon sens e la buine aministrazion. "Si spindaran 17 milions par un chilometri di strade che e finìs intun puint vecjo di cent'agns." Cuntune incressite dal risi idrogjeologjic.

novembre 2014 - il Diari

I CITTADINI: PIU PREVENZIONE E MENO INCURIA VERSO IL TERRITORIO.

per PREVENIRE ALLAGAMENTI E ALLUVIONI BASTA COSTRUIRE NELLE GOLENE

MA LA REGIONE RESPINGE......E ALLORA CI ASCOLTERÀ L'EUROPA


Il 30 ottobre scorso i Consiglieri Regionali avrebbero dovuto discutere la mozione presentata dal M5S sul progetto variante sud di Dignano.

la Consigliera Ilaria Del Zovo dopo un analisi approfondita, argomentava compiutamente ai colleghi riguardo due punti nevralgici molto importanti di cui discutere; il ponte vecchio di 100 anni al quale verrà collegata la costosissima opera e l'area golenale che verrà occupata da una strada realizzata su terrapieno che arginerà un area golenale che serve al Tagliamento per defluire le acque in caso di piena.

Sull'argomento del dissesto idrogeologico si è soffermato il Consigliere Lauri “geologo” che ha chiesto ai colleghi una riflessione sull'importanza del rispetto dei piani idrogeologici di bacino dove sono evidenziate le zone di rispetto sopra le quali non si dovrebbero costruire opere che riducono gli spazi che servono ai fiumi per esondare.

L' approfondimento su quest'ultimo punto per il Comitato sarebbe stato molto importante, visti i dissesti idrogeologici dei territori e il rischio per le vite umane messe ripetutamente a dura prova dalle alluvioni alle quali assistiamo anche in questi giorni. Una parte importante della petizione sottoscritta da 5523 cittadini di questa regione esprime preoccupazione sulla realizzazione di quest'opera in questa zona perché il Piano Stralcio per l’Assetto Idrogeologico del fiume Tagliamento indica che la variante di Dignano ricade interamente in area a pericolosità idraulica elevata.

Questa avvertenza però non preoccupa i Consiglieri Regionali, che imprudentemente hanno deciso comunque di realizzare la variante; dimenticando quanto importante sia stata l'area golenale che verrebbe arginata dall'attraversamento dell'opera, che durante l'alluvione del 1966 fu completamente allagata contenendo le acque e quindi permettendo che i disastri verificati a Latisana fossero più contenuti,

Precisamente, replica il comitato “Assieme per il Tagliamento” presente alla seduta il consiglio non ha discusso sui contenuti della mozione ma agognato giustificazioni dichiarando che la giunta regionale ha svolto attente valutazioni sull'opportunità di realizzare questo progetto, di cui si parla da vent'anni, ma in realtà non viene detto ne in quale occasione, ne con quali strumenti la giunta  o fvg strade, ovvero altro soggetto pubblico, abbia effettuato queste valutazioni, che tipo di valutazioni, se comprensiva di analisi costi e benefici.

A nostro avviso il voler a tutti i costi calare d'alto un opera che i cittadini ritengono pericolosa  è un' imprudenza di chi presta poca attenzione al territorio e scarso rispetto per le regole, violando le norme più elementari di buon senso.

Dal Convegno internazionale organizzato dalla nostra ass,ne a San Daniele “gestioni fluviali a confronto, quali proposte per il Tagliamento” dagli esperti e studiosi di tutto il mondo noi cittadini abbiamo imparato che l'unica strada per risolvere il problema delle alluvioni è fare prevenzione.

Fare prevenzione non vuol dire solo rispettare gli spazi riservati al fiume ma anche fare manutenzione ovvero togliere la ghiaia dove serve, e non dalle rive da dove invece vengono estratti milioni di metri cubi di ghiaia che causano l' abbassamento dell'alveo non permettendo alle acque di raggiungere le aree golenali dove poter espandere le acque in caso di piena invece di correre verso i paesi del basso corso causando disastri come difatto stà accadendo in queste ore.

Alla presidente Serracchiani, che come spesso accade non era presente in Consiglio, avremo voluto chiedere come nella sua posizione di “Commissario straordinario delegato a realizzare gli interventi urgenti di mitigazione del rischio idrogeologico,” decida allo stesso tempo di realizzare un opera che causerà problemi di rischio idrogeologico per la sicurezza dei cittadini e per il territorio.

Un paradosso della politica o forse dei troppi impegni della Presidente, che non ha capito il ruolo importante che ricopre, il cui compito è quello di evitare di creare situazioni di rischio, e non di crearle che non è solo costruire opere di contenimento per evitare le piene spendendo molti soldi pubblici, Alla Presidente diciamo che qualora dovessero succedere altri disastri sul Tagliamento questa volta sappiamo a chi imputare le responsabilità perchè per fare prevenzione e evitare catastrofi bisogna innanzitutto osservare le regole che tutelano le aree fluviali.

La Direttiva Quadro relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi da alluvioni (Direttiva 2007/60/CE) si pone l’obiettivo, mediante la predisposizione del Piano di Gestione del Rischio Alluvioni, di ridurre le conseguenze negative per la salute umana., piani che la nostra regione non ha ancora predisposto

Proprio a questo proposito ci chiediamo replica la presidente del comitato Pradetto Franca perché la Giunta Regionale con la deliberazione n. 1918 del 17 ottobre 2014, decida la revisione del progetto della cd. "tangenziale est" proprio in funzione dell'approvazione del PAI dei bacini del Tagliamento e dell'Isonzo; due pesi e due misure ?? perché ??

“Sono sotto gli occhi di tutti le ingenti somme di denaro pubblico che continuamente vengono utilizzate per riparare ai danni causati dalle alluvioni e straripamenti dovuti principalmente agli errori commessi in passato, per aver arginato e per aver permesso di costruire opere che riducono le aree golenali e gli spazi che servono al fiume per poter esondare.

Pertanto, in merito al progetto della “Variante Sud di Dignano” e alle sue ricadute negative sull’assetto idrogeologico del fiume Tagliamento, sull’ambiente dei territori interessati, il Comitato “Assieme per il Tagliamento” consegnerà la petizione sottofirmata da 5525 in Europa.

All'Europa chiederemo di intervenire affinchè le direttive comunitarie vengano rispettate su temi importanti come il dissesto dei territori e di porre fine al dissesto dell'area relativa al Tagliamento attraverso la cancellazione del progetto stradale in questione e, se necessario, tramite lo studio di una soluzione alternativa maggiormente compatibile con la sicurezza delle persone e del territorio e il rispetto dell'ambiente.”



25 novembre 2014 - Il Gazzettino

Sel: la variante di Dignano è uno scempio del territorio

SPILIMBERGO - Il caso Tagliamento a Montecitorio. Serena Pellegrino, capogruppo Sel in Commissione ambiente, denuncia: «Il governo investe 20 milioni contro il dissesto idrogeologico per mettere in sicurezza il fiume Tagliamento, la Regione ne investe 22 per creare nuove criticità e ferite al territorio con la Variante sud di Dignano: un progetto che va in direzione opposta alle scelte nazionali in materia di sicurezza del territorio».
«Ci stupiamo che l'assessore regionale alla pianificazione territoriale, da tecnico, proceda, senza se e senza ma, nella direzione opposta a quella tracciata a livello nazionale. In un momento di massima allerta, dove tutti si dichiarano attenti alle sensibilità del territorio, dell'ambiente e delle comunità, ci aspettavamo una opportuna inversione di rotta», dice la parlamentare friulana. «La Regione è pronta ad investire 22 milioni di euro per un'opera faraonica che perfora una piccola comunità ferendone per sempre il tessuto urbano, ambientale e sociale, senza le verifiche e le garanzie che deriverebbero un procedimento di Via e senza valutare le condizioni del ponte di Dignano cui la variante si collegherebbe. Nel contempo però mette a disposizione solo 10 milioni di euro, sui 30 necessari, per il piano lavoro del suo stesso assessorato. Prospettive di questo genere sono congrue solo rispetto a logiche di sfruttamento del territorio da parte delle lobby del cemento».



13 novembre 2014 - MESSAGGERO VENETO

«No alla variante a sud di Dignano»

Pradetto: occuperà l’area golenale utilizzata dal Tagliamento per il deflusso


Complice la forte ondata di maltempo di questi ultimi giorni e l’ingrossarsi minaccioso delle acque del Tagliamento, ritorna d’attualità il timore delle associazioni ambientaliste per le opere di viabilità che la Regione intende realizzare. Nel mirino della presidente dell’associazione Assieme per il Tagliamento, Franca Pradetto, in particolare finisce, ancora una volta, il progetto che prevede la realizzazione della variante sud dell’abitato di Dignano. «Un’opera che – secondo Pradetto – oltre ad essere costosissima, occuperà quell’area golenale, che serve al Tagliamento per il deflusso delle acque in caso di piena. Nonostante alla variante abbiano detto “no” 5.525 cittadini di questa regione, firmando una petizione, i nostri consiglieri regionali non sembrano preoccuparsene, visto che, imprudentemente, hanno deciso che la variante debba essere realizzata, dimenticando quanto importante sia stata l’area golenale, che verrebbe arginata dall'attraversamento dell’opera, durante l’alluvione del 1966 quando, completamente allagata, contenne le acque e permise che i disastri verificatisi a Latisana fossero più contenuti. Sono sotto gli occhi di tutti – continua – le ingenti somme di denaro pubblico che vengono utilizzate per riparare ai danni causati da alluvioni e straripamenti dovuti principalmente agli errori commessi in passato, per aver arginato e permesso di costruire opere che riducono le aree golenali e gli spazi che servono al fiume per poter esondare. Pertanto, in merito al progetto della variante sud di Dignano e alle sue ricadute negative sull’assetto idrogeologico del fiume e sull’ambiente dei territori interessati – annuncia Pradetto – consegneremo la nostra petizione sottofirmata in Europa».«All’Europa chiediamo di intervenire – questo l’obiettivo – affinchè le direttive comunitarie vengano rispettate su temi importanti come il dissesto idrogeologico, in particolare dell'area al Tagliamento, attraverso la cancellazione del progetto stradale in questione e, se necessario, tramite lo studio di una soluzione alternativa più compatibile con la sicurezza delle persone e il rispetto dell'ambiente».
Guglielmo Zisa ©RIPRODUZIONE RISERVATA



MV 29 settembre 2014 MESSAGGERO VENETO

Appello da Prato Carnico: no alle centraline

Odg del Consiglio comunale alla Regione affinchè fermi le concessioni in attesa del piano energetico

di Tanja Ariis


PRATO CARNICO. Il Consiglio comunale di Prato carnico sulle richieste di nuove centraline idroelettriche lancia un


Per questo gli Stati generali della Montagna, si invoca, rappresentino una prima occasione per sviscerare anche questa questione, non più rinviabile. «La situazione già oggi è ipercritica - rileva il vicesindaco, Erica Gonan o- e più avanti si va con le concessioni, senza una corretta pianificazione, senza una visione d'insieme, e peggio è. Bisogna intervenire». I

l Consiglio comunale mercoledì ha approvato all’unanimità l'odg rivolto alla governatrice, Debora Serracchiani, e all’assessore regionale Sara Vito. Il sindaco, Verio Solari, lo ha trasmesso ai Comuni dell’Alto Friuli e della montagna pordenonese perché si uniscano con forza all’appello. Il proliferare di centraline idroelettriche sul territorio appare infatti sempre più fuori controllo.

Ogni progetto viene valutato a sé, senza una visione d'insieme: non c'è infatti un Piano energetico regionale che stabilisca se ci sono e dove margini per nuovi impianti. Il Consiglio comunale ricorda la direttiva europea a tutela della risorsa acqua, di un utilizzo idrico sostenibile e di una partecipazione dei cittadini a tali scelte. La montagna friulana, rammenta il Consiglio, «è già ora fortemente creditrice perché produce molta più energia di quanta ne consuma senza peraltro avere un ritorno diretto in termini di abbattimento dei costi energetici per i cittadini e le imprese ivi insediate».

Spetta alla Regione il rilascio delle concessioni. Il Piano regionale di Tutela delle acque, approvato in via preliminare a fine 2012, sulle percentuali dei corsi d’acqua sottesi da impianti idroelettrici evidenziava l’incidenza di tali manufatti sul territorio: fiume Tagliamento 43%, Fiume Meduna 83%, torrente Cellina 64%, Fiume Fella 43%, Torrente Degano 72%,Torrente But 41%,Torrente Chiarsò 44%, Torrente Lumiei 66%, Torrente Cimoliana 43%, Torrente Pesarina 48%, Torrente Pontebbana 54%, Torrente Miozza 55%

In Val Pesarina oggi sono già attive 6 centraline, 2 sono in costruzione, 2 sono le nuove richieste e un'altra a buon punto. A gennaio il Tribunale Superiore delle Acque Pubbliche, su ricorso di un privato, aveva dato torto al Comune che con una variante aveva cercato di porre dei freni: non era compito suo, per il tribunale, ma della programmazione regionale. Piano che però ancora manca.




MV 27 settembre 2014  MESSAGGERO VENETO

Casse e ponti-diga? «Non se ne parli più»

Opere sul Tagliamento: il sindaco Francesconi nella delegazione in trasferta a Roma per un’audizione


SPILIMBERGO. Trasferta capitolina per il sindaco di Spilimbergo, Renzo Francesconi, unico rappresentante delle amministrazioni comunali rivierasche della Destra Tagliamento, in audizione insieme con l’assessore regionale all’Ambiente, Sara Vito, l’omologo della Regione Veneto, Maurizio Conte, e i colleghi sindaci di San Daniele del Friuli, Paolo Menis, di San Michele al Tagliamento, Pasqualino Codognotto, e di Latisana, Salvatore Benigno, dinanzi a Erasmo D’Angelis, coordinatore del nuovo dipartimento che va sotto il nome di “Struttura di missione per il dissesto idrogeologico e per lo sviluppo delle infrastrutture idriche Italia sicura”. Il confronto serviva per fare il punto sul monitoraggio che interessa le due regioni, centrando in particolare la discussione su una eventuale programmazione delle opere di laminazione del maggiore fiume friulano in base ai risultati ottenuti dal cosiddetto “Laboratorio Tagliamento”.

Si è trattato di un incontro interlocutorio, come spiega il sindaco della città del mosaico, che ha lamentato la mancata convocazione dei colleghi primi cittadini delle amministrazioni comunali di Pinzano, Forgaria, Ragogna e Dignano che, insieme con il Comune di Spilimbergo e le associazioni ambientaliste (Acqua e Assieme per il Tagliamento su tutte), si sono battute per bocciare il progetto delle casse d’espansione. Un primo risultato importante è stato comunque raggiunto visto che la struttura della presidenza del Consiglio dei ministri ha preso l’impegno di riconvocare, entro poche settimane, i rappresentanti delle due Regioni, il Magistrato delle acque e i sindaci interessati per arrivare a una soluzione concreta e condivisa in tempi brevi. «Si tratta comunque di un modo per mantenere alta l’attenzione su un problema che, se c’è, riguarda ovviamente più i comuni della Bassa – precisa Francesconi –. Una cosa è certa e lo dicono pure i dati inconfutabili degli studi effettuati: di casse d’espansione e di ponti-diga a monte non vogliamo più sentire parlare».

Il piano stralcio del fiume Tagliamento, adottato con decreto del presidente del Consiglio dei ministri il 28 agosto 2000, prevede due interventi che, nell’intenzione del legislatore, sarebbero dovuti essere realizzati in parallelo: la costruzione delle casse di espansione a monte e la ricalibratura dello scolmatore Cavrato all’altezza di Cesarolo, con il contestuale rinforzo dei corpi arginali a valle. Rimane ora da capire come ci si vorrà muovere.(g.z.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA




27 settembre 2014  MESSAGGERO VENETO cronaca di San Daniele del Friuli

Tagliamento, a Roma solo quattro sindaci gli altri protestano




MV 26 settembre 2014  MESSAGGERO VENETO

«Basta con le casse di espansione»

Tagliamento: i sindaci di San Daniele e Spilimbergo, convocati a Roma, ribadiscono la loro opposizione al progetto


SAN DANIELE. Riflettori puntati sulla messa in sicurezza del Tagliamento. A rimettere in primo piano il fiume friulano l’Ufficio per l’assetto idrogeologico della Presidenza del Consiglio, che ha convocato a Roma, fra gli altri, gli assessori regionali all’ambiente di Friuli Venezia Giulia e Veneto, Sara Vito e Maurizio Conte, i sindaci di San Daniele e Spilimbergo, Paolo Menis e Renzo Francesconi, nonché il vicesindaco di San Michele al Tagliamento Gianni Carrer.

Un incontro voluto dai funzionari romani per fare il punto su tutte quelle situazioni nel nostro Paese dove è necessario intervenire per mettere in sicurezza i territori e che sarà propedeutico alle successive decisioni sulla destinazione delle risorse dell’Unione europea, assieme ai fondi che saranno messi a disposizione dal Governo. Conditio sine qua non posta dall’Ufficio del Consiglio dei Ministri per finanziare gli interventi è che le soluzioni individuate siano ampiamente condivise.

A illustrare la situazione del Tagliamento l’assessore Sara Vito, che, assieme al collega Conte, ha tracciato una breve cronistoria dei progetti per la messa in sicurezza. Cronistoria che ha toccato ovviamente il progetto delle casse di espansione nel medio corso “seppellito” definitivamente dopo un mare di polemiche dalla sentenza con cui la Cassazione ha respinto il ricorso presentato dall’Autorità di bacino. E arrivando fino al mix di proposte (pare ve ne siano 14), elaborate dal Laboratorio Tagliamento - creato dalla Regione e composto da un pool di esperti -, che passano dalla messa in sicurezza idraulica nel basso corso del fiume alla riproposizione di uno sbarramento nella stretta di Pinzano, a varie ipotesi integrative, come la realizzazione di un canale scolmatore, e infine di una traversa laminatrice al ponte di Dignano. E le proposte elaborate dal Laboratorio, secondo quanto riferito da Vito, saranno attuate secondo un criterio di priorità da Regione e Autorità di bacino. Il fatto che la Cassazione abbia stoppato il piano, infatti, non vuol dire che il problema della messa in sicurezza del Tagliamento sia stato risolto.

Quanto ai sindaci, espressamente invitati da Roma, opposte le loro posizioni: da San Michele una vera e propria levata di scudi, visto che, è stato riferito dall’amministratore veneto, dopo 49 anni dall’alluvione nulla è stato fatto. E se qualcosa dovrà essere fatto, dovrà riguardare anche i territori del medio alto corso. Il sindaco di Spilimbergo ha messo in evidenza come contro il progetto delle casse di espansione ci sia stata una vera e propria sollevazione popolare. Per Menis, «non è un caso se sono passati 5 assessori regionali all’ambiente senza che una soluzione sia stata trovata». Anche Menis ha sottolineato come la popolazione sia insorta contro la soluzione “casse”: «L’unica strada percorribile - ha evidenziato Menis - è quella della condivisione e del sistema integrato di interventi su tutto il corso del fiume in modo da poter risolvere il problema senza opere enormi». Alla volontà di Roma di voler fare qualcosa a tutti i costi i sindaci hanno chiarito che, va bene la messa in sicurezza, ma non a qualunque prezzo. «Questo comunque è stato solo un incontro interlocutorio - riferisce Menis - tra un mese ve ne sarà un altro, al quale saranno invitati tutti i sindaci del medio corso».

Anna Casasola




MV 25 settembre 2014  MESSAGGERO VENETO

Primi provvedimenti sul Tagliamento

LATISANA. Sarà l'Autorità di bacino, su mandato dei Comuni di Latisana a San Michele al Tagliamento, a elaborare, nei prossimi tre mesi, un approfondimento tecnico sull'idea progettuale tecnicamente...


LATISANA. Sarà l'Autorità di bacino, su mandato dei Comuni di Latisana a San Michele al Tagliamento, a elaborare, nei prossimi tre mesi, un approfondimento tecnico sull'idea progettuale tecnicamente ed economicamente più valida: la realizzazione di un'opera di laminazione a flusso regolabile in corrispondenza della stretta di Pinzano, prodotta dal Laboratorio Tagliamento, per poter inserire le opere di messa in sicurezza del fiume nell'elenco delle priorità nazionali e poter giungere all'appalto delle stesse: le risorse economiche ci sono già così come le conoscenze tecniche, le analisi e gli studi. E' quanto emerge dall'incontro (il secondo in venti giorni) che ha visto protagonisti i Comuni di Latisana e San Michele, in audizione a Roma, davanti alla struttura di missione contro il dissesto idrogeologico della presidenza del Consiglio dei ministri, assieme agli assessori regionali Sara Vito per il Friuli e Maurizio Conte per il Veneto. E che l'impegno assunto ieri è concreto, lo conferma, come riferisce il vicesindaco Angelo Valvason, ieri a Roma in rappresentanza del Comune di Latisana, la convocazione del terzo incontro per una verifica dell'avanzamento delle procedure, fra un mese esatto. «La volontà di risolvere il problema fin qui dimostrata dal presidente della commissione, Erasmo D'Angeli, e le decisioni assunte oggi evidenziando l'avvio di una procedura che spero possa portare a una soluzione risolutiva», è stato il commento di Valvason che in audizione ha sottolineato come gli studi effettuati sulla messa in sicurezza del Tagliamento abbiano sempre evidenziato la necessità di un intervento con opere di trattenuta a monte e con interventi di manutenzione e rinforzo a valle, le uniche, seppur di rilevante importanza, eseguite.

Paola Mauro




MV 23 settembre 2014  MESSAGGERO VENETO

Tagliamento, fiera e “corsa dei sindaci”

Appuntamento con la fiera per il recupero e la promozione del territorio del Tagliamento prevista per il 18 e 19 ottobre prossimi a Dignano. Promossa dalla locale amministrazione civica, alla sua...


Appuntamento con la fiera per il recupero e la promozione del territorio del Tagliamento prevista per il 18 e 19 ottobre prossimi a Dignano. Promossa dalla locale amministrazione civica, alla sua organizzazione partecipano tutte le associazioni sportive e culturali, i commercianti, gli artigiani e gli agricoltori. Tutto ciò al fine, come dice il sindaco Zuccolo, di valorizzare la zona del Tagliamento presa sempre come problema, «mentre noi vogliamo che ritorni fonte di sviluppo». La “ciliegina” dell’iniziativa è la 1ª edizione della “corsa dei sindaci” un modo diverso di stare insieme. (m.c.)



20 settembre 2014  MESSAGGERO VENETO

La storia a piedi tra le pievi e gli affluenti

SOCCHIEVE. Ha riscosso notevole successo l’iniziativa “Gente di fiume, gente di mare” dell’associazione Insieme per il Tagliamento, che ha proposto anche questa volta una camminata verso gli...


SOCCHIEVE. Ha riscosso notevole successo l’iniziativa “Gente di fiume, gente di mare” dell’associazione Insieme per il Tagliamento, che ha proposto anche questa volta una camminata verso gli affluenti della Carnia del fiume Tagliamento. Tanti i partecipanti che hanno aderito all’iniziativa, anche se la camminata diversamente dagli altri anni si è concentrata in un giorno solo per il tempo avverso di questa strana estate che non ha permesso alle guide di preparare un secondo percorso.

Questo non ha impedito ai tanti appassionati del Tagliamento di avvicinarsi a questo ambiente naturale fra i più belli del corso del fiume friulano. Spettacoli mozzafiato che hanno stupito non solo le persone provenienti da altre regioni ma anche gli stessi friulani e triestini poco abituati a percorrere tratti inediti che si inoltrano dentro al fiume e agli affluenti del fiume Tagliamento. Molto interessanti le visite all’antica Pieve di Castoia dagli affreschi ben conservati e dal magnifico battistero intarsiato posto su un piedistallo di pietra scolpita proveniente dal Tagliamento. La storia di questa chiesa, che si collega ad Aquileia e alla cattedrale di Gemona, è stata illustrata agli astanti da Daniela De Monte. Altrettanto piacevoli i racconti di Francesco Fachin che nel cimitero secolare accanto alla chiesa, ha raccontato storie lontane nei tempi, leggende e tradizioni locali. Dopo l’illustrazione della fauna e flora, a cura di Ira Conti, i partecipanti hanno preso parte ad un banchetto dove hanno potuto assaggiare le prelibatezze gastronomiche locali, ad iniziare dalla farina socchievina cucinata dal vicesindaco di Socchieve Luciano Mazzolini e delle patate con la squeta frante della Pro loco Col gentile di Medis di Socchieve e i sughetti con i funghi raccolti dalla Pro loco di Enemonzo.(g.g.)

Sul previsto sfangamento del bacino dell’Ambiesta la pensiamo così:


La nostra Regione, ancora una volta, non si è dimostrata autonoma ne tanto meno speciale! Comincia così una nota di Franca Pradetto, Presidente di “Assieme per il Tagliamento“, in merito al previsto sfangamento di circa 25000/35000 m/c di fango dal bacino dell’Ambiesta (Verzegnis), che Edipower prevede di realizzare quest’autunno. Lo svaso di tutto questo fango, prima tramite i 4 km. del torrente Ambiesta e poi nel Tagliamento, con l’azzeramento di ogni forma di vita nel torrente e con un pesante impatto sul “Re dei Fiumi Alpini“, trova il netto rifiuto dell’Associazione. Invece di subire passivamente o quasi le volontà di Edipower, afferma Pradetto, la Regione, come altre in Italia, si doti di criteri e disposizioni generali sul tema, anche utilizzando il Piano Regionale Tutela Acque, come per es. ha fatto la Provincia di Trento nel suo PPTA. Si fa presente che in Provincia di Trento, il PPTA disponendo in merito alle operazioni di svaso e sfangamento dei suoi bacini, prevede un asporto meccanico dei sedimenti e dei limiti di torbidità analoghi a quelli del Veneto e Lombardia, individuando siti di stoccaggio del materiale. Edipower, invece non prende in considerazione questa ipotesi di lavoro, preferendo l’eliminazione dei fanghi tramite fluitazione, con tutti i problemi che comporta questa soluzione. Giova ricordare che ci sono esempi in Emilia e in Toscana di recupero di questo materiale, sia per uso agricolo come ammendante, sia per uso industriale oltre chè nelle opere pubbliche. Desta preoccupazione, continua la Presidente, anche il possibile impatto della torbidità per il Lago di Cavazzo. Infatti la draga che opererà la rimozione dei fanghi, lavorerà a breve distanza dalle condotte forzate che portano l’acqua alle turbine di Somplago. E’ probabile che se dovesse malauguratamente  avvenire il risucchio di acque fangose, nei  due mesi di lavoro  previsti, l’impatto sull’ecosistema lacuale non sarà solo ottico ma inciderà sul suo delicato ecosistema, in particolare sul novellame delle specie ittiche presenti e sui macro invertebrati bentonici. Concludendo, per Pradetto, la Regione deve impedire questa ipotesi, memore del recente disastro dello svaso del Lumiei  e deve salvaguardare l’interesse comune, dato dal valore ambientale degli ecosistemi sottoposti a rischio Ambienti  che verranno messi inevitabilmente in gioco, prima e oltre al seppur legittimo interesse di Edipower, che evidentemente ha puntato sulla soluzione con i tempi più brevi e i minori costi.

4/8/14

Leggi cosa dichiara il nostro assessore Sara Vito

10/3/2014 MESSAGGERO VENETO edizione Pordenone


I grillini si schierano: «Dignano, la variante è un’opera assurda»

«È una follia il tunnel che passa sotto le case per ricollegarsi con il ponte vecchio di cent’anni» Il consigliere regionale Dal Zovo: la Regione così cancella la volontà di migliaia di cittadini

SPILIMBERGO «La variante di Dignano è un’opera assurda. Solo così può essere definito un tunnel scavato

sotto le abitazioni per poi ricollegarsi con il ponte sul Tagliamento, vecchio di cent’anni, attraverso una strada

realizzata sul terrapieno in mezzo all’area golenale. Una totale follia che ha spinto, in pochissimo tempo,

oltre 5.500 persone a firmare contro la sua realizzazione che costerebbe l'ingente somma di 17 milioni di

euro al chilometro». Lo ha dichiarato, aprendo un nuovo fronte alla polemica già innescata dai sodalizi

ambientalisti “Assieme per il Tagliamento” e “Uniti per l’ambiente”, il consigliere regionale del Movimento 5

Stelle Ilaria Dal Zovo, contestando duramente il progetto della variante sud di Dignano, opera che, stando

alle ultime dichiarazioni dell’assessore regionale regionale a Infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale,

Maria Grazia Santoro, la giunta Serracchiani potrebbe appaltare entro l’anno. «Secondo il piano di stralcio

per l’assetto idrogeologico del Tagliamento, l’opera ricade interamente nell’area F, ovvero in una zona in cui

la pericolosità idraulica del fiume risulta molto elevata», aggiunge Dal Zovo, ricordando come, nel 1966, la

zona interessata dal progetto venne allagata in seguito a una esondazione del fiume. Situazione che

potrebbe verificarsi nuovamente: «Uno studio recente dell’università di Trieste segnala, inoltre – prosegue la

consigliera pentastellata – che il traffico di camion è decisamente inferiore rispetto a quando è stato pensato

il progetto: 194 mezzi pesanti contro i 669 previsti da Fvgstrade». Numeri su cui riflettere secondo Dal Zovo:

«Insieme ai cittadini di Dignano, estranei agli interessi politici ed economici in ballo, bisogna trovare, invece,

una soluzione alternativa e sostenibile dal punto di vista ambientale», propone la portavoce M5S attaccando

la giunta Serracchiani e chiedendosi poi con quali soldi l’opera potrebbe essere realizzata: «Forse con quelli

destinati alle vecchie casse di espansione? Sarebbe davvero paradossale che le risorse che sarebbero

dovute servire per costruire opere di laminazione per salvaguardare la sicurezza idraulica di Latisana, ora

vengano utilizzate per realizzare un’opera che incrementa la pericolosità idraulica e che aumenta il rischio

per i cittadini di tutto il basso corso del fiume». «L’assessore “dimenticando” i no all’opera e bypassando le

istanze presentate dai cittadini – conclude Dal Zovo – ha clamorosamente disatteso le aspettative di

partecipazione democratica di migliaia di cittadini»
Guglielmo Zisa ©RIPRODUZIONE RISERVATA






10/3/2014  MESSAGGERO VENETO edizione


Variante sud, «la Regione ignora la voce dei cittadini»Spilimbergo, i comitati ambientalisti: «Ignorate le oltre 5 mila firme contrarie» La protesta all’indomani dell’annuncio dell’appalto dell’opera entro il 2014


SPILIMBERGO. «Variante sud di Dignano: l’assessore regionale a Infrastrutture, mobilità, pianificazione territoriale, Maria Grazia Santoro, con le sue ultime dichiarazioni ha deliberatamente delegittimato il consiglio regionale e la quarta commissione lavori pubblici, nonchè disatteso le aspettative di partecipazione democratica di migliaia di cittadini». Parole di fuoco, quelle della lettera indirizzata al consigliere regionale e presidente della commissione, Vittorino Boem, da Franca Pradetto, presidente dell’associazione Assieme per il Tagliamento, e da Valter Vidusso, presidente del comitato Uniti per l’ambiente, all’indomani dell’annuncio dell’appalto dei lavori entro fine anno. Un’ipotesi, quella dell’assessore Santoro, che muove a seguito dell’acquisizione del parere favorevole vincolante, rilasciato a distanza di un anno dalla Soprintendenza, dopo che la Regione aveva già provveduto a decretare l’autorizzazione paesaggistica sul progetto definitivo della variante a sud dell’abitato del comune udinese a confine con Spilimbergo. Dichiarazioni, quelle dell’assessore, che hanno scatenato un putiferio fra i membri dei due sodalizi ambientalisti, da sempre contrari all’opera, e in tal senso adoperatisi anche nella raccolta, attraverso una petizione già depositata in consiglio regionale, delle firme di 5.523 cittadini residenti a Dignano e nei comuni limitrofi, ma anche in altre località della regione, accomunati dalla contrarietà all’infrastruttura. «Apprendiamo dalla stampa – scrivono Pradetto e Vidusso –, che l’assessore Santoro sarà presente martedì 18 marzo in quarta commissione per ascoltare il parere dei cittadini, per poi leggere a distanza di qualche ore le sue dichiarazioni in cui apre alla possibilità che entro il 2014 l’opera sia appaltata. Esprimiamo il nostro disappunto e siamo delusi per le dichiarazioni dell’assessore, in quanto fatte prima dell’audizione e prima che commissione e consiglieri regionali abbiano potuto esprimersi, anticipando di fatto una decisione che, da quanto dice, sarebbe già stata presa. Ci auguriamo che queste affermazioni arbitrarie non abbiano lo scopo di condizionare la decisione della politica che, diversamente, dopo un’attenta valutazione – concludono i referenti dei comitati –, dovrebbe innanzitutto tener conto del parere degli oltre 5 mila cittadini che contestano sia il progetto sia lo spreco di denaro pubblico per la sua realizzazione». 
L’opera, già finanziata, costerebbe circa 19 milioni di euro.
Guglielmo Zisa





©RIPRODUZIONE RISERVATA



9/3/2014 Comunicato del Coordinamento Difesa Ambientale della Bassa Friulana

Che l’assessore regionale (esterno) Mariagrazia Santoro fosse inadeguata al ruolo che è stata chiamata a svolgere lo si era già capito nella bassa friulana quando disse, nel giugno 2013, che il secondo accesso alla Ziac ”è un’opera strategica”  e in quanto tale va sicuramente realizzata, per poi verificare che  qualcuno, all’Ausa Corno,  aveva venduto fumo e che il progetto della linea ferroviaria in affiancamento alla strada semplicemente non esisteva. Oggi, a neanche un anno dal discorso d’insediamento di Debora Serracchiani nel quale, fra le altre cose, veniva anche cancellata la variante Dignano Sud, ecco che l’Architetto Santoro se ne esce, il 7 marzo, con un’affermazione perentoria: la “variante Dignano Sud verrà appaltata entro l’anno” e tutto ciò dieci giorni prima della audizione in IV Commissione del Comitato popolare che ha raccolto oltre cinquemila firme contro la realizzazione dell’opera.  Un'affermazione di questo genere colpisce tutti i Comitati della Regione, in quanto in un colpo solo delegittima l’unico strumento rimasto ai cittadini per far sentire la propria voce dentro il Palazzo. Non si era mai vista una cosa tanto grave e di conseguenza ci siamo oramai convinti che l’ Assessore Santoro non sia lì per gli interessi della popolazione ma per qualcos’altro e, pertanto,  molto gentilmente, le chiediamo di farsi da parte, cioè di dare immediatamente le dimissioni.

Coordinamento Difesa Ambientale della Bassa Friulana




7/3/2014

Nostro Comunicato

Egregio Presidente Boem Vittorino Le inoltro l'articolo apparso oggi, 7 marzo, sul Messaggero Veneto.


L'Assessore Maria Grazia Santoro con le dichiarazioni enunciate sul quotidiano di oggi ha deliberatamente delegittimato il Coniglio Regionale e la IV Commissione e disatteso le aspettative di partecipazione democratica di migliaia di cittadini.

Difatto la Commissione, di cui Lei è Presidente, ha calendarizzato per il 18 di marzo una audizione affinché i Comitati e le Associazioni potessero esprimere compiutamente sulle ragioni della contrarietà all'opera "variante sud di Dignano"  contenute nella petizione sottoscritta da  5525 cittadini presentata al Consiglio Regionale il 30 gennaio c.a..

Nella stampa di ieri si legge che l'Assessore Santoro sarà presente in IV Commissione il 18 c.m. per ascoltare il parere dei cittadini. Oggi la stessa Santoro dichiara apertamente che entro fine anno l'opera verrà appaltata.

Esprimiamo tutto il nostro disappunto e siamo profondamente delusi per le  dichiarazioni espresse dall'Assessore Santoro sopratutto perché fatte prima  dell'audizione e prima che la Commissione Competente e i Consiglieri Regionali abbiano potuto esprimersi in proposito, anticipando di fatto la decisione che da quanto dice è già stata presa.

Ci auguriamo che queste affermazioni arbitrarie non abbiano lo scopo scorretto di condizionare la decisione della politica che, diversamente, dopo un attenta valutazione, dovrebbe innanzitutto tener conto del parere dei 5525 cittadini  che contestano sia il progetto "variante sud di Dignano" che l'assurdo spreco di denaro pubblico utilizzato per la sua realizzazione. Da notarsi che i favorevoli all'opera sono solo 853 da quanto si legge sul sito della Regione.

La Presidente Serracchiani, che ha pubblicamente più volte espresso contrarietà a quest'opera e promesso di rivedere completamente il progetto, sta disattendendo al Suo programma  di governo e alle dichiarazioni espresse più volte sui giornali e sembra a alquanto disonorevole che la Stessa adesso non voglia più mantenere l'impegno assunto e la parola data.

Le comunico che da stamani ricevo telefonate di Cittadini che sconcertati e increduli chiedono spiegazioni e io a mia volta le chiedo una Sua quanto mai opportuna presa di posizione chiara in merito alle improprie anticipazioni dell'Assessore Santoro, che di fatto prevarica e svilisce il ruolo dei Consiglieri Regionali, gli unici che hanno diritto a decidere perché direttamente eletti dal Popolo.    

distinti saluti

l'Associazione "Assieme per il Tagliamento"  Franca Pradetto





26/2/2014 MESSAGGERO VENETO edizione Pordenone

Variante di Dignano, 62% contro



Spilimbergo, messe a confronto le petizioni sul maxi-progetto della nuova strada

SPILIMBERGO. Oltre 5 mila firme per dire “no” alla costruzione della variante stradale sud di Dignano. Sono quelle consegnate al presidente del consiglio regionale, Franco Iacop, dai rappresentanti dell’associazione Assieme per il Tagliamento e del comitato Uniti per l’ambiente. In questa battaglia sono dunque sostenuti da 5.523 cittadini residenti a Dignano e nei comuni limitrofi, ma anche in altre località della regione, accomunati dalla contrarietà alla realizzazione di un’opera che servirebbe ad allontanare il traffico pesante dal centro del comune rivierasco.

A pochi giorni dalla consegna di un’analoga petizione, stavolta favorevole alla variante e sottoscritta da 1.079 firme, a dire la sua è la presidente di Assieme, Franca Pradetto. Numeri alla mano, secondo Pradetto, «è chiaro che oltre il 62 per cento dei cittadini di Dignano è formalmente contrario alla realizzazione di questo fantomatico progetto, perché di fatto soltanto 719 residenti su 1.900 con diritto al voto vi si sono dichiarati favorevoli. L’esito di questa consultazione è evidente - ribadisce Pradetto -, e dimostra che la decisione dei cittadini di Dignano è assolutamente discordante con l’intenzione delle amministrazioni comunali passate e presenti di voler realizzare questo stravagante progetto, che prevede un rocambolesco tunnel scavato sotto le abitazioni fra il capoluogo e la frazione di Bonzicco, per poi ricollegarsi con il ponte sul Tagliamento attraverso una strada realizzata su terrapieno in mezzo all’area golenale». Strada che, secondo la presidente del sodalizio ambientalista, sarebbe considerata inutile dalla maggior parte delle persone. Inoltre, rincarano dall’associazione, «Niente è piu pretenzioso che voler dichiarare inagibile la chiesa del capoluogo per rivendicare la necessità di realizzare la variante sud, perchè i danni non possono essere attribuibili alle vibrazioni dovute al passaggio dei mezzi pesanti, dato che l’abside del santo patrono, da dove cadono i calcinacci dovute alle crepe, si trova sul lato opposto, molto lontano dalla strada indicata come responsabile del disastro. E’ irresponsabile, di questi tempi – conclude Pradetto –, insistere nel voler a tutti costi realizzare una strada impattante per il territorio, per soddisfare bisogni che sono venuti meno, come meno è venuta la necessità di realizzare un’opera che la maggioranza dei cittadini non vuole». (g.z.)  ©RIPRODUZIONE RISERVATA



26/2/2014 MESSAGGERO VENETO  pagina 30 Provincia

I gruppi anti variante sud: solo il 40% del paese la vuole


DIGNANO. Variante sud sì; variante sud no. Il dibattito va avanti da oltre 20 anni e ultimamente ha subito una decisa accelerata. A esprimersi con una nota firmata da Franca Pradetto sono il comitato “Uniti per l’ambiente” e l’associazione “Assieme per il Tagliamento”, contrari all’opera, che commentano alcuni fatti recenti. «Esultano» i due gruppi perchè sulla variante sud «la cittadinanza si divide» essendo «solo 719 residenti di Dignano su 1900 con diritto al voto» favorevoli all’opera, definita «fantomatico progetto che prevede un rocambolesco tunnel scavato sotto le abitazioni fra il capoluogo e Bonzicco per poi ricollegarsi al ponte attraverso una strada, realizzata su un terrapieno in mezzo all’area golenale».

Il secondo punto sul quale i gruppi intervengono attraverso Pradetto si riferisce alla chiesa parrocchiale chiusa al pubblico da ordinanza emessa dal sindaco: «L’incuria - si legge nella nota - è la reale causa dei danni subiti all’interno della chiesa. Chi è responsabile dovrà rispondere perché nonostante i ripetuti avvertimenti non ha provveduto tempestivamente alle dovute ordinarie manutenzioni». Rincarano «i cittadini, niente di più pretenzioso voler dichiarare inagibile la chiesa del capoluogo per rivendicare la necessità di realizzare la variante sud». «I danni non possono essere attribuibili alle vibrazioni del passaggio dei mezzi pesanti davanti alla parrocchiale» in quanto «l’abside si trova dal lato opposto…molto lontano dalla strada indicata come responsabile del disastro». I due gruppi hanno presentato in Regione una petizione con circa 5400 firme per il “no” alla Variante, in attesa di esame da parte della commissione preposta. (m.c.)


6 febbraio 2014 da “La Vita Cattolica” Friuli Collinare


SONO 5400 I «NO» AL PROGETTO DELL’ARTERIA CHE BYPASSA DIGNANO. A FAVORE FIRMANO INVECE 1100 CITTADINI

IN TUTTO «COLLEZIONA» 6500 firme il «tanto» – a lungo e intensamente – dibattuto progetto della «Variante sud» di Dignano. Ovvero l’arteria che dovrebbe andare a collegare la rotonda della regionale 463 al ponte sul Tagliamento, in direzione Spilimbergo, bypassando il centro del paese. Tante sono, infatti, le persone che hanno sottoscritto due documenti il cui oggetto è il medesimo – cioè quel chilometro di tracciato per il quale è previsto un investimento di 17 milioni di euro progettato a sud della cittadina per evitare l’attraversamento del centro abitato –, ma i cui contenuti vanno in «direzione» diametralmente opposta. Da un lato c’è il «no» alla realizzazione dell’opera, «gridato» or- mai da anni dalle associazioni ambientaliste che si è trasformato in una petizione appena consegnata in Regione a Trieste. Dall’altro c’è il «sì» convinto dell’Amministrazione comunale – guidata dal sindaco Giambattista Turridano – che in questi mesi ha ricevuto «l’appoggio» ufficiale di 1100 cittadini.

5400 «no» alla variante

A chiedere lo stop immediato del progetto che prevede la realizzazione della Variante sud di Dignano» sono 5400 persone che hanno sottoscritto la petizione promossa dal comitato «Assieme per il Tagliamento» e dalle associazioni ambientaliste Legambiente e «Uniti per l’ambiente».

Un documento – ora al vaglio della competente Commissione consiliare – che è stato consegnato al presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop, giovedì 30 gennaio in Regione a Trieste. Da parte dei presidenti dei sodalizi promotori dell’iniziativa – Franca Pradetto, Elia Mioni e Walter Vidusso – è stata ribadita la necessità di fermare immediatamente l’iter dell’opera tanto discussa. Si sottolinea, infatti, l’inutilità dell’arteria in quanto non ci si trova più davanti «al forte flusso di traffico pesante» che si registrava una decina di anni fa. Allora i passaggi erano stati quantificati in 669 all’ora, mentre una recente indagine – si legge nella petizione – «rileva che i mezzi pesanti sono 194 all’ora». Inoltre, viene evidenziato che il congestiona- mento del traffico si verifica soprattutto sul ponte che attraversa il Tagliamento (costruito un centinaio di anni fa) e non nel centro della cittadina.

Tra le motivazioni per dire «no» alla nuova strada c’è anche il problema legato alla «pericolosità idraulica elevata» del tratto di fiume interessato all’arteria, indicata nel Piano stralcio del Tagliamento; un rischio che aumenterebbe nel caso di una riduzione dell’area golenale, cioè quello spazio che permette il deflusso delle acque in caso esondazione. Il documento «critica» anche la decisione che ha portato a non sottoporre il progetto alla procedura di Valutazione impatto ambientale (Via), passaggio che «avrebbe permesso di considerare e analizzare le soluzioni alternative e gli effetti dell’opzione zero».

I firmatari chiedono, dunque, che l’arteria (inserita nel Piano urbanisti- co regionale risalente al 1978 e successivamente in quello regionale alla viabilità del 1989) venga stralciata e che, piuttosto, vengano avviati studi per valutare un’alternativa più «com- patibile con l’ambiente e la sicurezza rispetto all’attuale progetto.

1100 «sì» all’arteria

È chiara e non ammette fraintendi- menti la posizione dell’Amministra- zione comunale di Dignano. E lo è al- meno da 15 anni, come spiega il pri- mo cittadino, Giambattista Turridano: «Il nostro comune, nel rispetto di quanto deliberato nel tempo, e all’unanimità, dal Consiglio comunale, continuerà la battaglia per realizzare al più presto la variante, così come progettata». A sostegno di questa posizione «abbiamo 1100 firme delle quali oltre 700 di cittadini dignanesi e non raccolte in giro per le sagre e le fiere del Friuli-Venezia Giulia. Quindi – aggiunge il sindaco – su 2300 resi- denti, compresi neonati e anziani, una buona parte di concittadini chiede che venga fatta l’opera, così come le persone residenti a Spilimbergo e dintorni costrette a passare per il centro del nostro paese quando si recano al lavoro». Turridano tiene a precisare che il documento targato «Comune» – l’iniziativa è stata avviata da persone «vicine» all’Amministrazione, spiega, che hanno raccolto le firme nel giro di una decina di giorni – è stato appoggiato da gente del posto e che a breve verrà consegnato a Trieste, al pari della petizione delle associazioni ambientaliste, direttamente nelle mani del presidente del Consiglio regionale, Franco Iacop. E aggiunge. «Vorrei capire quante delle 5400 persone che sono contrarie alla variante sanno do- ve sia Dignano e mi piacerebbe capire se sono mai passate per il nostro pae- se, dove si continua a respirare smog per compiacere la vista sul Tagliamento di due concittadini che hanno avviato la battaglia contro la realizzazione della strada alternativa».

Nel frattempo – dopo la chiusura della Chiesa parrocchiale in seguito alla caduta di calcinacci dalla coper- tura dell’edificio che, a detta del sindaco, è stata causata dalle continue vibrazioni dei passaggi di camion – Turridano si è attivato con il Prefetto di Udine per valutare se vi siano i presupposti per firmare un’ordinanza e chiudere il centro di Dignano al traffico pesante. «Non siamo un comune di serie B – aggiunge –, e non è possibile che i mezzi che dovrebbero passare per l’autostrada attraversino in- vece il paese mettendo a serio rischio l’incolumità e la salute dei cittadini».

MONIKA PASCOLO



2/2/2014 Nostro Comunicato Stampa

SPILIMBERGO Le rappresentanze dell’associazione Assieme per il Tagliamento, del comitato Uniti per l’ambiente e di Legambiente hanno consegnato al presidente del consiglio regionale, Franco Iacop, una petizione con 5.300 firme contro la costruzione della variante stradale sud di Dignano (Udine). Presenti il capogruppo di Sel, Giulio Lauri, Vittorino Boem (Pd) in veste di presidente della commissione consiliare competente e i consiglieri del M5S Elena Bianchi, Ilaria Dal Zovo, Eleonora Frattolin e Cristian Sergo. La richiesta dei firmatari è semplice: fermare e ripensare quest’opera che interesserebbe l’abitato di Dignano e l’alveo del Tagliamento. Si tratterebbe, a detta dei proponenti della petizione, di un’opera da ripensare completamente, in quanto inutile nella forma presentata, ad alto impatto ambientale e molto costosa: 17 milioni di euro per poco più di un chilometro di tracciato, considerato anche inutile dato i notevoli cali di traffico rilevati. Oltre a ciò, si ritiene necessaria una pianificazione viaria sostenibile per evitare la costruzione di strade inutili in termini economici e ambientali. Altro aspetto fondamentale segnalato, il fatto che la parte dell’alveo del Tagliamento interessata dall’opera è stata dichiarata a pericolosità idraulica elevata. Il presidente Iacop ha assicurato l’immediata trasmissione della petizione alla commissione di competenza affinché possa avviare l’iter.
F.P.

Nota: Sul Messaggero Veneto del 31 gennaio 2014 è stata scritta una grossa bugia:

La petizione contro la "variante sud di Dignano" non è stata promossa dalla parlamentare Serena Pellegrino ma dalle Associazioni ambientaliste "Assieme per il Tagliamento", "Uniti per l'ambiente" e Legambiente. Associazioni assolutamente apolitiche. E' molto grave che ad una petizione, promossa dai cittadini, che  non ha nessuna connotazione politica venga strumentalizzata da politici e dalla stampa. 

la Parlamentare Serena Pellegrino, sicuramente si sta occupando della questione e ha firmato la petizione come molti altri parlamentari, ma l'iniziativa è stata promossa dalle Associazioni che non appartengono a nessun partito e sono assolutamente apartitiche perché così è stato detto e inteso dai 5400, (e non 5300) firmatari e che non è assolutamente corretto che ciò sia stato disatteso per un gravissimo errore fatto da chicchessia dei redattori del Messaggero Veneto.

La petizione l'ha predisposta "Uniti per l'ambiente", "Assieme per il Tagliamento" e Legambiente ed è stata presentata nella conferenza stampa avvenuta  il 27 settembre 2014 nel palazzo della Regione  a Udine (per il Messaggero era presente Maura delle Case,) e che durante questi mesi  “Uniti per l'Ambiente” e “Assieme per il Tagliamento” hanno raccolto le 5400 firme organizzando banchetti in mercati e tutte le fiere e le feste sparse in tutta la regione friulana. Infine sono state consegnate il 30 gennaio nel palazzo della presidenza del Consiglio Regionale a Trieste nelle mani di Iacopo Franco presidente del Consiglio regionale. Primo firmatario della petizione Franca Pradetto Battel presidente del Comitato "Assieme per il Tagliamento"; secondo firmatario della petizione Valter Vidusso presidente del Comitato "Uniti per l'ambiente" e

terzo firmatario il presidente regionale di Legambiente dr. Elia Mioni mentre il Vicepr. della IV commiss. Giulio Lauri ha firmato garantendo l'autenticità delle 5400 firme come da regolamento regionale previsto per la presentazione e il deposito delle petizioni.

Durante la consegna della petizione il presidente del Consiglio Regionale ha dato la parola ai presidenti delle Associazioni promotori della petizione affinchè relazionassero, entrando nel merito della questione, in presenza dei consiglieri regionali, del presidente IV commiss. Vittorino Boem, del vice pres. IV commiss. dr.Giulio Lauri, del vice pres. IV commiss. dr. Giovanni Barillari, del consigliere reg. IV commiss. Ilaria Del Zovo e del cons. reg. Cristian Sergo. (C'erano anche altri di cui non ricordo i nomi e che non conosco ma la stanza era piena di tanti consiglieri e di fatto ricordo la battuta di Boem che ha detto di fronte a tutti "Sembra che oggi la IV commiss. si sia trasferita qui dentro dato che ci siamo quasi tutti").

La Ns delegazione ha avuto un positivo riscontro da parte degli autorevoli coniglieri presenti che hanno ascoltato con attenzione gli intervenuti dando merito alle istanze esposte.

Spero che al più presto il Messaggero Veneto pubblichi la smentita poiché non è stato corretto, nei confronti nostri e dei firmatari, dare alla petizione una connotazione politica. lo trovo davvero scorretto, sgradevole e molto grave.

Franca Pradetto


31/1/2014 MESSAGGERO VENETO edizione Udine


Dignano, consegnate 5.300 firme a Iacop contro la variante
Petizione portata in Regione da esponenti di tre associazioni I promotori: è un progetto costoso, inutile e non risolutivo


DIGNANO. Una petizione sottoscritta da 5300 firme per ripensare il progetto della Variante Sud che interessa Dignano è stata consegnata ieri mattina al presidente del consiglio regionale Franco Iacop (promotrice l’onorevole Serena Pellegrino di Sel)dalle rappresentanze dell’associazione Assieme per il Tagliamento, del comitato Uniti per l'ambiente e di Legambiente. «L'immediata trasmissione della petizione alla relativa Commissione di competenza affinché possa avviare l'iter per il suo esame» è stata assicurata dallo stesso Iacop. I contenuti per i quali si chiede che venga fermato, e sostanzialmente ripensato il progetto evidenziano vari passaggi che di seguito riportiamo come sono stati scritti nella petizione alla Regione. L’opera «costerebbe17 milioni di euro per poco più di un chilometro di strada» soldi pubblici di tutti i cittadini, questo si sa. L’opera viene considerata “inutile” e non giustificabile alla luce dei nuovi dati del traffico che non sono più «quelli di 10 anni fa quando era quantificato un transito di mezzi pesanti pari a 669 passaggi l’ora » contro «194 unità/ ora di oggi». Progetto considerato quindi “«pericoloso e non risolutivo»; «illogica la volontà di innestare la variante su un ponte obsoleto» e anche «rischioso» perché «il Piano Stralcio per l’assetto idrogeologico del Tagliamento indica che la Variante di Dignano ricade interamente in area a pericolosità idraulica elevata». Non si è ritenuto inoltre «di sottoporre il progetto alla “procedura di impatto ambientale che avrebbe permesso di analizzare soluzioni alternative» e ancora - afferma la petizione - «non c’è stata trasparenza nelle decisioni prese escludendo la partecipazione delle comunità interessate». I firmatari della petizione chiedono alla presidente Debora Serracchiani «l’avvio di un nuovo percorso del progetto entro una revisione generale del Piano regionale delle Infrastrutture di trasporto, della mobilità delle merci e della logistica c he , in pratica, contiene e “giustifica” ancora oggi progetti di opere previsti anni fa che rilevano poca attenzione al territorio». Ieri la delegazione che ha presentato la sottoscrizione affinché il progetto venga definitivamente “cancellato” e avviato uno studio di una “Alternativa compatibile con ambiente e sicurezza” era composta da Franca Pradetto presidente dell’associazione Assieme per il Tagliamento, Elia Mioni presidente regionale di Legambiente, Valter Vidusso portavoce del comitato “Uniti per l’ambiente” contro la variante.
Maristella Cescutti ©RIPRODUZIONE RISERVATA