(placeholder)

Assieme per il Tagliamento

Associazione

RASSEGNA STAMPA 2015

da IL DIARI del 6 giugno 2015


“Un progjet cussì nancje in Calabrie”

Trê esperts de materie a àn passât al tamês la fatibilitât ambientâl de Variant Sud di Dignan. Lis conclusions no i lassin redenzie: si scugne tornâ a fâlu di fûr par fûr.

Udin, ai 6 di Jugn. Al ironize, il professôr Giovanni Campeol, un dai plui grancj esperts di Valutazion di impat ambientâl in Italie e no dome (al è stât lui a fâ, tra lis altris, il cuintri studi sul Mose par cont dal Comun di Vignesie) cuant che al conte de prime impression vude leint il studi di “fatibilitât ambientâl” che al compagne il progjet de Variante Sud di Dignan. “O soi colât intun stât di aprension emotive” al sgagnis “parcè che cui che al à fat il progjet al à doprât metodologjiis di valutazion che si dopravin uns 25 agns indaûr”. Fat al è che “al mancje ad in plen il contignût de valutazion. Nancje in Calabrie a fasin cussì”.

Un progetto simile neanche in Calabria”
Tre esperti della materia hanno verificato a fondo la fattibilità ambientale della variante sud di Dignano. Le conclusioni non lasciano alternative: si deve rifarlo completamente.

Udine, 6 giugno. Ironizza, il professor Giovanni Campeol, uno dei più grandi esperti di Valutazione di impatto ambientale d’Italia e non solo (è stato lui a fare, tra l’altro, il controstudio sul Mose per conto del Comune di Venezia) quando racconta della prima impressione avuta leggendo lo studio di “fattibilità ambientale” che accompagna il progetto della variante sud di Dignano. “Sono caduto in uno stato di apprensione emotiva” ridacchia “perché chi ha fatto il progetto ha usato metodologie di valutazione che si utilizzavano 25 anni fa”. Fatto sta che “manca del tutto il contenuto della valutazione. Neanche in Calabria fanno così.



De çampe, Zangheri, Campeol, Del Zovo, Pellegrino, Pradetto

Un progjet plen di pecjis. Nol è stât doprât un model di stime dai impats di fate cuantitative. La valutazion des components biotichis e je confusionarie: tant par dî, tra chês al ven metût dentri il paisaç, che al è une componente dal sisteme uman, palesant une rimarchevule confusion sientifiche. E ancjemò, la valutazion paisagjistiche e je nule par ce che al tocje il metodi: di fat no dopre nissun criteri di valutazion, cuant che e varès vût di fâ riferiment al D Dpcm dal 2005. “Dal pont di viste naturalistic, po, cui che al à cjapât in man il progjet al veve i fondaments di un student dal prin an” al siere sec Campeol. Par ce che al tocje la dinamiche idrauliche, “i judizis pandûts a son contraditoris e no stimin vonde l'efiet dighe” al à dit il professôr Piero Zangheri de Universitât di Padue. “O sin intune aree a pericul idraulic une vore alt” al spieghe “li che daûr dal Piano stralcio dal 2012 dal Pai, a son esclududis dutis lis oparis che a puedin puartâ a ridusi la capacitât di contegni la aghe e di permeti il so scolament”.

Campeol e Zangheri, cu la colaborazion di Davide Scarpa, rispuindint a une solecitazion de deputade Serena Pellegrino, che e je stade une arleve dal prin, a àn scrit un document cu lis lôr valutazions che a son stadis presentadis vuê tal Palaç de Regjon a Udin presints la stesse Pellegrino (Sel), la conseire regjonâl Ilaria Dal Zovo (M5S), Franca Pradetto, presidente de associazion “Assieme per il Tagliamento”, Valter Vidusso, Puartevôs dal Comitât “Uniti per l’ambiente” di Dignan. Lis conclusions de relazion a lassin scaturîts. “Il model di valutazion cjapât – a scrivin i esperts – nol è in stât di stimâ se il progjet al è compatibil cul ambient”. Conclusion, “al coventarès tornâ a vierzi la procedure di Via cu la presentazion di un gnûf studi di Impat Ambientâl”. Intal particolâr, si zonte, il progjet definitîf al scugnarà tornâ a jessi presentât, lant insot almancul di chescj cjamps dissiplinârs... Intant, al covente “un model di valutazion dai traspuarts che al poi suntune analisi inzornade des corints di trafic”. Po, une analisi e valutazion dal paisaç fatis metint in vore lis liniis vuide dal Dpcm 12.12.2005. E covente, ancjemò, l'elaborazion di un model idraulic locâl in rapuart cu la scjale largje, la analisi insot des carateristichis biotichis locâls. Par sierâ, si varès almancul di calumâ des alternativis sedi par ce che al tocje la tipologjie di progjet, sedi par ce che al intent al sît. Ven a stâi, nol è par nuie dit che la soluzion di une galarie di un chilometri che passe sot di Dignan e sedi la soluzion miôr.

Nol covente jessi esperts par capî che, daûr dal professôr Campeol, il progjet de Variante Sud di Dignan si scugne tornâ a fâlu fûr par fûr. I comitâts che di agnorums si batin cuintri l'opare, a pensin che miôr di dut al sarès no fâle. Sono sperancis che la Regjon e torni su lis sôs decisions? Secont il professôr Campeol, sì: “Il podê corezi al è un trat tipic dai sistemis industriâi indevant”. E chi al à ce corezi. De bande sô, la conseire regjonâl Del Zovo e sta preparant une mozion di presentâ in consei. Intant comitâts popolârs a van indevant cul lôr lavôr di informazion: in curt a Dignan une assemblee popolâr dulà che i citadins a podaran viodi cui lôr voi, e cul jutori dai esperts, i progjet che si fevele e scoltâ lis critichis fatis de relazion Campeol, Zangheri, Scarpa.

Infratant, almancul une buine gnove pai abitants di Dignan: de fin di Avrîl i mieçs di traspuart pesant no puedin plui jentrâ in paîs, lu dîs une ordenance dal comandant de polizie locâl. “Ve ca la soluzion ai nestris problemis, al comente Vidusso, è si sparagnin ancje i 22 milions stanziâts pe tiracje...”

Un progetto zeppo di lacune. Non è stato utilizzato un modello di stima degli impatti di tipo quantitativo. La valutazione delle componenti biotiche è confusa: ad esempio, tra quelle viene inserito il paesaggio, che è una componente del sistema umano, palesando una notevole confusione scientifica. Ed ancora, la valutazione paesaggistica è nulla per quanto riguarda il metodo: di fatto non tocca nessun criterio di valutazione, quando avrebbe dovuto far riferimento al D Dpcm del 2005. “Dal punto di vista naturalistico, poi, chi ha preso in mano il progetto aveva le basi di uno studente del primo anno” chiude asciutto Campeol. Per ciò che riguarda la dinamica idraulica, “i giudizi offerti sono contraddittori e non calcolano sufficientemente l’effetto “diga” ha detto il professor Piero Zangheri dell’Università di Padova. “Ci troviamo in un’area a pericolo idraulico abbastanza alto” spiega “laddove secondo il Piano stralcio del 2012 del Pai, sono escluse tutte le opere che possono portare a ridurre la capacità di contenere l’acqua e di permetterne lo scolamento”.

Campeol e Zangheri, con la collaborazione di Davide Scarpa, rispondendo ad una sollecitazione della deputata Serena Pellegrino, che è stata un’allieva del primo, hanno scritto un documento con le loro valutazioni che sono state presentate oggi al palazzo della Regione a Udine, presenti la stessa Pellegrino (Sel), la consigliera regionale Ilaria dal Zovo (M5S), Franca Pradetto, presidente dell’Associazione “Assieme per il Tagliamento”, Valter Vidusso, portavoce del comitato “Uniti per l’ambiente” di Dignano. Le conclusioni della relazione lasciano sbalorditi. “Il modello di valutazione preso – scrivono gli esperti – non è in grado di stimare se il progetto è compatibile con l’ambiente”. Conclusione, “bisognerebbe riaprire la procedura di Via con la presentazione di un nuovo studio di Impatto Ambientale”. In particolare, si aggiunge, si dovrà ripresentare il progetto definitivo, approfondendo almeno questi campi disciplinari … Intanto, serve “un modello di valutazione dei trasporti che si basi su di una analisi aggiornata delle correnti di traffico”. Poi, una analisi ed una valutazione del paesaggio realizzate secondo le linee guida del Dpcm 12.12.2005. Occorre, inoltre, l’elaborazione di un modello idraulico locale rapportato a larga scala, l’analisi approfondita delle caratteristiche biotiche locali. Per concludere, si dovrebbe perlomeno cercare alternative sia per ciò che riguarda la tipologia del progetto, sia per ciò che riguarda il sito. Cioè, non per nulla certo che la soluzione di una galleria di un chilometro passante sotto Dignano sia la soluzione migliore.

Non occorre essere esperti per capire che, secondo il prof Campeol, il progetto della variante sud di Dignano si deve rifare dal principio. I comitati che di anni si battono contro l’opera, ritengono che meglio di tutto sarebbe non realizzarla. Ci sono speranze che la Regione torni sulle sue decisioni? Secondo ilo prof Campeol , sì: “Il poter correggere è un tratto tipico dei sistemi industriali avanzati”. E qui c’è molto da correggere. Da parte sue, la consigliera regionale Del Zovo sta preparando una mozione da presentare in consiglio. Nel frattempo dei comitati popolari proseguono nel loro lavoro di informazione: tra breve a Dignano una assemblea popolare dove i cittadini potranno vedere con i loro occhi, e con l’aiuto di esperti, il progetto di cui si parla ed ascoltare le critiche mosse dalla relazione Campeol, Zangheri, Scarpa.

Intanto, almeno una buona notizia per gli abitanti di Dignano: dalla fine di aprile i mezzi di trasporto pesante non possono più entrare in paese, lo dice una ordinanza del comandante della polizia locale. “Ecco la soluzione dei nostri problemi, commenta Vidusso, e si risparmiano anche i 22 milioni stanziati per la bretella …  

 

IL CÂS


La tiracje d'aur di Dignan

A varessin di costâ scuasit 33 milions lis oparis par puartâ il trafic pesant fûr di Dignan e indreçâlu te Çumpièl-Secuals. Ma dopo passe trentecinc agns di cuant che e je stade pensade, la "variant di Dignan" e jeve un grum di dubis. Coventie pardabon? Aial sens incanalâ il trafic intun puint vecjo 100 agns? E il progjet isal sigûr?

Di fâ une tiracje che e taiàs fûr il centri di Dignan dal trafic pesant si à tacât a fevelâ ancjemò tal 1978, ma dome intal 1989 la opare e fo metude dentri tal Plan de viabilitât regjonâl. A ocupâsi de facende e jere la Provincie di Udin: tantis promessis, massime sot elezions, tancj articui sui gjornâi, ma la “variant di Dignan” e restà plui che altri une idee. Fin al 2010, cuant che la competence e passà a Fvg Strade, une societât de Regjon che, come che al dîs il non, e viôt des stradis “regjonâls”. Sul imprin, la tiracje e veve di passâ fûr di Dignan tacant pôc plui in jù li de taronde dulà che a rivin lis stradis provinciâls che a vegnin di Udin e di Osôf e passant disot de frazion di Bonzì: po al somee che di chês bandis a fossin dai terens di proprietât di int che e veve vôs in cjapitul, e si decidè di lâ plui in su, passant fûr par fûr la frazion propit intal mieç. Intun prin moment si fevelave di un percors in trincee, ma dopo cheste decision, stant che no si podeve sgjavâ une trincee tal biel mieç des cjasis, si à cjatât la soluzion di metri un bocon di strade dentri di une galarie. Une robe no di pôc, parcè che une galarie e coste une vorone, massime se e proviôt di meti ad ôr des cjasis des spaleris di pâi di 18 metris di profonditât e un metri e mieç di diametri. La sielte e à compuartât une modifiche aes lidrîs dal plan di spese.

Da Il Messaggero Veneto Pn del 25 giugno 2015

Da Il Messaggero Veneto del 25 giugno 2015

La "variant" di Dignan intune simulazion al computer. Tra i doi bocons verts, la galarie che e taie in doi la frazion di Bonzì. Dut il bocon a çampe, de galarie al puint, al è fat su la golene dal Tiliment

Un ponte malridotto

La seconda obiezione della petizione tocca il ponte. Sì, perché tutto il traffico verrebbe instradato sul vecchio ponte di Dignano. Troppo vecchio? Circa un secolo. All’interno non ha un centimetro di ferro. Un ponte stretto, dove i camion fanno fatica a passare in due, che potrebbe andare ancora bene per le macchine, al massimo per qualche furgone, ma poco adatto a sostenere il traffico moderno, come manifestano i tanti incidenti che si verificano. Nonostante che una verifica fatta fare qualche anno addietro avesse evidenziato seri problemi e che il tecnico di allora avesse detto che occorrerebbe almeno una manutenzione straordinaria, nessuno vi pianta un chiodo. Cosa potrebbe succedere se dovesse aumentare il traffico pesante?

Une aree a fuart risi idraulic

Prin di rivâ il puint, la variant, cuant che e salte fûr de galarie, e passe une di chês areis dulà che il flum si sbroche tal câs di plenis fûr misure: une golene no mo. Come se nol fos vonde, la strade e sarès sore elevade, cun rivâi a colps di peton: dulà laressie la aghe se, magari cussì no, e ves di tornâ une plene su la ande dal 1966? Sul puest al è ancjemò cui che si vise dulà che e rivà chel an. Par no dî de pôre ancjemò piês di cui che al à studiât cun atenzion i progjets di Fvg strade: stant che il puint al è a cuote 102 metris e la galarie e je a cuote 94, cui puedial escludi che une plene des dimensions che o vin dit no inaghi la galarie?

Valutazion di Impat Ambientâl? "No covente!"

Dongje di chestis obiezions une vore concretis, a restin des domandis che par cumò no à vût rispueste. Cemût isal pussibil, par esempli, che une opare di cheste fate, che e puarte vie un tierç e passe di une aree golenâl, e puedi jessi fate cence une specifiche autorizazion de Autoritât di bacin? E ancjemò, cemût isal pussibil che si vebi podût lâ indevant cence someti il progjet ae Valutazion di Impat Ambientâl (Via) proviodude di une Diretive europeane dal 2007? Al è ben vêr che la Italie le à fate buine dome tal Avost dal 2014, ma il progjet no aial vût la vie definitive tal Otubar di chel an? Obiezion e domandis, pome di un lunc e meditât impegn dal Comitât dai citadins, no àn rivât a fâur cambiâ idee ai sorestants.

Zûcs za fats?

Cualchi sperance e jere nassude cuant che la neu presidente de Regjon Debora Serracchiani, tes sôs declarazions programatichis, e veve dit che al coventave tornâ a pensâ parsore a une schirie di oparis ideadis tancj agns indaûr, tra chestis la variant di Dignan. Tal Otubar dal an stât, però, la assessore Maria Grazia Santoro e à dât il so ben stâ ae opare fasint aprovâ la variazion di belanç che o vin dit sore. Zûcs za fats? I rapresentants dal Comitât no si rassegnin. Prossim pas, la presentazion di un ricors in Europe, magari a chel Ufici pes petizions de Comission europeane dulà che a vevin scrit agns indaûr propit par lamentâ la mancjance di une Via e che ur veve rispuindût di tornâ a fâsi sintî cuant che al fos stât fat bon il progjet definitîf.

Un’area a forte rischio idraulico

Prima di giungere al ponte, la variante, quando esce dalla galleria, passa une di quelle aree dove il fiume si sfoga nel caso di piene straordinarie: una golena, no? Come se non bastasse, la strada sarebbe sopraelevata, con fossi di asfalto: dove andrebbe l’acqua se, malauguratamente, si verificasse una piena simile a quella del 1966? Sul posto c’è ancora chi si ricorda dove giunse allora. Per non parlare ancora della paura di chi ha studiato con attenzione i progetti di Fvg strade: siccome il ponte si trova a quota 102 metri e la galleria è a quota 94, chi può escludere che una piena delle dimensioni di cui si è detto non allaghi la galleria?

Valutazione di impatto ambientale? “Non serve!”

Accanto a queste obiezioni abbastanza concrete, rimangono delle domande che per ora non hanno trovato risposta. Com’è possibile, per esempio, che un’opera di questo genere, che si porta via più di un terzo di area golenale, possa essere fatta senza una specifica autorizzazione dell’Autorità di bacino? Ed ancora, com’è possibile che si sia potuto andare avanti senza sottoporre il progetto alla Valutazione di impatto ambientale (Via), prevista da una direttiva europea del 2007? E’ ben vero che l’Italia l’ha approvata solo nell’agosto del 2014, ma il progetto non ha avuto il via definitivo nell’ottobre di quell’anno? Obiezioni e domande, frutto di un lungo e meditato impegno del comitato dei cittadini, che non sono riusciti a far cambiare idea ai governanti?

Giochi già fatti?

Qualche speranza era nata quando la neo presidente della Regione Debora Serracchiani, nelle sue dichiarazioni programmatiche, aveva affermato che bisognava tornare a ragionare sopra una serie di opere ideate tanti anni addietro, fra queste la variante di Dignano. Nell’ottobre dell’anno scorso, però, l’assessore Maria Grazia Santoro ha dato il suo benestare all’opera, facendo approvare la variazione di bilancio di cui si è detto sopra. Giochi già fatti? I rappresentanti del comitato non si rassegnano. Prossimo passo, la presentazione di un ricorso in Europa, magari a quell’ufficio per le petizioni della Commissione europea dove avevano scritto anni fa proprio per lamentare la mancanza di una Via e che aveva risposto loro di tornare a risentirsi quando fosse stato approvato il progetto definitivo.


I segns dal timp sul puint di Dignan: sclapaduris, fressuris, tocs di peton che a colin...

LA BRETELLA D'ORO DI DIGNANO

Dovrebbero costare quasi 33 milioni le opere per trasferire il traffico fuori Dignano e indirizzarlo verso la Cimpello-Sequals. Ma dopo oltre 35 anni da quando si è iniziato a pensarla, la variante di Dignano fa sorgere molti dubbi. Serve davvero? Ha senso incanalare il traffico su un ponte vecchio 100 anni? E’ un progetto sicuro?

Di costruire una bretella che tagliasse fuori il centro di Dignano dal traffico pesante si è iniziato a parlare ancora nel 1978, ma solo nel 1989 l’opera è stata inserita nel Piano di viabilità regionale. Ad occuparsene era stata la provincia di Udine: tante promesse, soprattutto sotto elezioni, tanti articoli sui giornali, ma la “variante di Dignano” rimase più che altro un’idea. Fino al 2010, quando la competenza passò a Fvg Strade, una società della Regione che, come dice il nome, si occupa delle strade “regionali”. All’inizio, la bretella doveva passare fuori Dignano iniziando poco sotto la rotonda dove giungono le provinciali che arrivano da Udine e da Osoppo e passare sotto la frazione di Bonzicco; poi sembra che da quelle parti ci fossero dei terreni di proprietà di gente che aveva voce in capitolo, e si decise di spostarsi più in su, passando la frazione proprio nel mezzo da una parte all’altra. In un primo momento si parlava di un percorso in trincea, ma poi questa decisione, visto che non si poteva scavare una trincea nel bel mezzo delle case, si è trovata la soluzione di mettere un pezzo di strada dentro una galleria. Una cosa non da poco, perché una galleria costa moltissimo, soprattutto se prevede di mettere accanto alle case delle spalliere di pali di 18 metri di profondità e un metro e mezzo di diametro. La scelta ha comportato une modifica radicale al piano di spesa.

Un cost sproposetât

Prin di la indevant, bisugne precisâ che si fevele di “variant sud di Dignan”, ma in realtât, la opare e proviôt un altri bocon, dopo il puint sul Tiliment, che al passe fûr par fûr une culinute fin a rivâ Navarons di Spilimberc par po lâ a peâsi ae  Çumpièl-Secuals. Cheste seconde part si clame “Tiracje di Barbean”. Prin de sielte de galarie, dutis dôs lis oparis a costavin, su la cjarte no mo, 32 milions 865 mil euro: 15 milions e mieç il bocon di Dignan, 17 milions 365 mil euro il bocon di Barbean. Cumò, cu la sielte di fâ la galarie, cul ultin sestament di belanç fat de Regjon tal Otubar dal an stât, il totâl al reste compagn, ma lis sumis a son invertidis: 22 milions e 600 mil pe variant di Dignan e 10 milions 265 mil pe tiracje di Barbean.

5.523 che a disin No

Ancje se i politics, massime chei dal partît de grandis oparis, a àn simpri dit che la Variant e jere domandade a gran vôs di dute la popolazion, dal 2000 in ca e à tacât a pandisi une cierte oposizion de bande de int. La prime petizion cuintri, firmade di uns 350 abitants di Dignan e je dal 2002. Cul la dal timp, la contrarietât, invezit di smamî e je cressude: la ultime petizion, opare di un Comitât di citadins, di fat, e je stade firmade di 5 mil 523 di lôr. Tant par vê une idee, la racuelte di firmis promovude dal sindic di Dignan e à rivât cuote 853. Parcè une oposizion tant fuarte e inlidrisade? Ve ca un struc des motivazions pandudis inte petizion.

Trafic di rive jù

Prin di dut, a disin i 5 mil 523 firmataris, e je une opare che no covente. Cuant che e je stade pensade, aromai 35 agns indaûr, lis condizions dal trafic a jerin un grum diferentis. Un studi fat fâ di Fvg strade intal 2010 al contint che il trafic orari di mieçs pesants al è pâr a 669 unitâts par ore. Une cifare che no sta ni in cîl ni in tiere, a disin chei dal comitât: se e fos vere che par li a passin 18 mil veicui in dì, si varès di crodi a une intensitât di trafic di un veicul ogni 6/7 seconts tes 24 oris. Di dì e di gnot. Par dâ plui pês aes lôr obiezions, chei dal Comitât, intal 2013, a àn fat fâ un cuintri studi a un inzegnîr che al insegne te universitât di Triest, il professôr Roberto Camus. Risultât: altri che 669, i mieçs pesants che a passin Dignan a son al massim 194 par ore, il 70 par cent di mancul. In chestis condizions, aial ancjemò sens spindi tancj bêçs?

Un puint malsestât

La seconde obiezion de petizion e tocje il puint. Sì, parcè che dut il trafic al vignarès instradât sul vecjo puint di Dignan. Trop vecjo? Su par jù un secul. Dentri nol è nancje un centimetri di fier. Un puint strent, là che i camions a fasin fature a passâ in doi, che al podarès lâ ancjemò ben pes machinis, al massim par cualchi furgon, ma pôc adat a sostegni il trafic moderni, come che a pandin i svariâts incidents che a capitin parsore. Cun dut che une verifiche fate fâ cualchi an indaûr e vebi pandût seris problemis e che il tecnic di chê volte al vebi dit che e coventarès almancul une manutenzion straordenarie, nissun nol à metût un claut. Ce podaressial sucedi se al ves di incressi il trafic pesant?


Un costo enorme

Prima di proseguire. Si deve precisare che si parla di “variante di Dignano”, ma in realtà, prevede un altro pezzo, dopo il ponte sul Tagliamento, che attraversa una collinetta fino ad arrivare a Navarons di Spilimbergo per poi collegarsi alla Cimpello-Sequals. Questo secondo tratto si chiama “Bretella di Barbeano”. Prima della scelta della galleria, tutte le opere costavano, sulla carta solo 32 milioni 835 mila euro: 15 milioni e mezzo il pezzo di Dignano, 17 milioni 365 mila il tronco di Barbeano. Ora, con la scelta di fare la galleria, con l’ultimo assestamento di bilancio fatto dalla Regione nell’ottobre dell’anno scorso, il totale rimane invariato, ma le somme sono invertite: 22 milioni e 600 mila per la variante di Dignano e 10 milioni 265 mila per la bretella di Barbeano.

5.523 che dicono di no

Anche se i politici, principalmente quelli del partito delle grandi opere, hanno sempre affermato che la variante era richiesta a gran voce da tutta la popolazione, dal 2000 è iniziata a manifestarsi une certa opposizione da parte della popolazione. La prima petizione contraria, firmata da 350 abitanti di Dignano è del 2002. Col passare del tempo, la contrarietà, invece di calare è aumentata: l’ultima petizione, lavoro di un comitato di cittadini, di fatto, è stata firmata da 5.323 persone. Solo per avere un’idea, la raccolta delle firme promossa dal sindaco di Dignano è arrivata a quota 853. Perché una opposizione tanta forte e radicata? Qui di seguito un riassunto delle motivazioni manifestate nella petizione.

Traffico in discesa

Innanzitutto, dicono i 5523 firmatari, è un’opera che non serve. Quando è stata pensata, oramai 35 anni addietro, le condizioni del traffico erano assai diverse. Uno studio fatto da Fvg strade nel 2010 sostiene che il traffico orario di mezzi pesanti è di 669 unità all’ora. Una cifra che non sta né in cielo né in terra affermano quelli del comitato: se fosse vero da lì passano 18 mila veicoli al giorno, si dovrebbe credere ad una intensità di traffico di un veicolo ogni 6/7 secondi nelle 24 ore. Giorno e notte. Per dar più peso alle loro obiezioni, quelli del Comitato, nel 2013, hanno fatto fare un contro studio ad un ingegnere che insegna l’Università di Trieste, il professor Roberto Camus. Risultato: altro che 669; i mezzi pesanti che passano per Dignano sono al massimo 194 all’ora, il 70% di meno. In queste condizioni, ha ancora senso spendere tanti soldi?